CONVEGNO “ORIENTAMENTO E ACCESSO ALL’UNIVERSITÀ” Leggi Leggi

L’attuale ordinamento degli studi universitari ha tra i suoi obbiettivi primari di far sì che gli studenti dei vari atenei compiano gli studi in tempi più vicini possibile alla loro durata legale. Con riferimento non solo all’ambito nazionale, ma a quello più vasto dell’Unione Europea, lo scopo evidente è che i laureati possano esercitare al più presto la loro professione e, rispetto ai laureati delle altre nazioni europee, non siano svantaggiati da un ingresso tardivo nel mondo del lavoro.
Per raggiungere questo obbiettivo le norme prevedono che chi si iscrive all’università non abbia carenze significative (debiti formativi) nelle particolari discipline di cui è richiesta un’adeguata conoscenza per affrontare con profitto il corso di laurea prescelto. Un grande numero delle Facoltà di Ingegneria dove si svolge la Prova di Ammissione utilizzano i risultati della prova stessa per accertare l’esistenza di debiti formativi nella preparazione del candidato.

Gli Atenei hanno stabilito autonomamente quali siano le discipline alle quali siano imputabili i debiti formativi; spesso si tratta di conoscenze minime e/o competenze nel campo della matematica, ma in alcune sedi possono riguardare anche altre discipline.

In ogni caso l’accertamento dei debiti formativi è basato sul punteggio riportato dal candidato in una o più sezioni della prova di ammissione.
Per quanto riguarda le sezioni prescelte, ed il tipo di punteggio, sono marcate le differenze che intercorrono tra i diversi atenei, sebbene nella maggior parte dei casi venga data una importanza preminente alle conoscenze fondamentali di matematica. Per questo motivo si invitano i candidati ad assumere in merito ai debiti formativi tutte le informazioni necessarie, rivolgendosi agli appositi uffici della sede in cui desiderano immatricolarsi.  Vi sono comunque in materia alcuni elementi comuni che vale la pena di ricordare.

Allo studente, che dopo la prova si trovi gravato di eventuali debiti formativi, l’immatricolazione è sconsigliata, ma non impedita; consideri tuttavia che, una volta iscritto, la legge gli impone il recupero dei debiti entro il primo anno dall’immatricolazione. A questo fine gli viene generalmente richiesto di svolgere alcune attività supplementari, note con l’acronimo OFA (Obblighi Formativi Aggiuntivi), organizzate dalle facoltà e seguite da alcuni momenti di verifica, per controllare se le carenze formative siano state recuperate.

Lo studente, che entro il primo anno dalla sua immatricolazione abbia mostrato di aver colmato le carenze formative, cancella i propri debiti. Non si deve tacere che, a causa delle attività aggiuntive svolte, egli potrebbe registrare un certo ritardo nella progressione degli studi rispetto ai compagni di corso non gravati di debiti. Nei confronti degli studenti che entro il primo anno dall’immatricolazione non abbiano colmato le loro carenze formative, vengono prese misure differenti da sede a sede: si può andare dal collocamento in una posizione di fuoricorso, fino al divieto di proseguire gli studi nella stessa facoltà.
Talune misure possono sembrare drastiche, ma in realtà sono prese nell’interesse dello studente; gli si impedisce di attardarsi troppo in studi per i quali egli, nel corso di un anno, non ha saputo colmare in modo sufficiente le lacune nella preparazione di base necessaria per affrontare i corsi di ingegneria

Chi siamo

Il Consorzio Interuniversitario Sistemi Integrati per l’Accesso (CISIA) è un consorzio senza scopo di lucro formato esclusivamente da Atenei pubblici. Attualmente il CISIA annovera tra i consorziati 44 Atenei e le Conferenze di Ingegneria, Architettura e Scienze: la CUIA – Conferenza ... leggi ancora

Sedi aderenti 2017

In questa mappa interattiva è possibile verificare quali Atenei scelgono di adottare un test di ingresso all’università CISIA. Ciascun ateneo può aderire a uno o più test di ingresso organizzati ... leggi ancora

Qualche dato

nel 2017 più di 115.000 Test erogati 784.756 Test di allenamento